Pittura a olio: Il metodo di John Singer Sargent

Guardando le opere di John Singer Sargent non possiamo che ammirare il suo stile e la sua capacità nella pittura a olio.

Ciò che è meno noto è il suo impegno nell’insegnamento dei suoi metodi di pittura.

La danzatrice spagnola
La danzatrice spagnola – Sargent – pittura ad olio

Un libro sul metodo di pittura a olio di Sargent

Un libro affascinante di Evan Charteris, intitolato “John Sargent” e pubblicato nel 1927, getta un po’ di luce sul suo approccio alla pittura ad olio e sul suo metodo di insegnamento.

Sargent era notoriamente criptico circa i suoi metodi, come se non fosse in grado di esprimere a parole ciò che, per formazione e istinto, sapeva fare così naturalmente e rapidamente.

Il suo maestro Carolus Duran, credeva nella pittura “Alla Prima”, bagnato su bagnato, tutto in una volta, senza le laboriose sotto-pitture tipiche dell’epoca.

Tutto ciò di cui Sargent aveva bisogno era una impostazione a carboncino della luce, della disposizione del modello e delle principali masse, su cui iniziava immediatamente ad applicare pennellate di pittura spessa.

Uno dei suoi studenti, ha scritto un resoconto di una dimostrazione che Sargent le diede: “… All’inizio ha usato con parsimonia un po ‘di trementina per stendere un tono generale sullo sfondo e per definire il testa (individuando le masse principali di luce e ombra del viso più che lo stacco tra la testa e il fondo), per indicare la massa dei capelli e il tono del vestito.

In questa impostazione ha evitato di inserire alcun particolare.

L’operazione è stata risolta in pochi istanti, usando il colore puro, senza alcun medium, né olio, ne trementina, né mescolanze.

Violet Hammersley - Sargent - ritratto dipinto a olio
Violet Hammersley – Sargent – ritratto dipinto a olio

‘Più spessa è la pittura, più il colore fluisce’, spiegava.

Molto rapidamente il pittore abbozzava il quadro generale con poco più che sbaffi di colore.

Poi cominciava davvero a dipingere, lavorando in uno stato concentrato e deliberato, una fretta lenta per così dire. Il pennello rimanneva in bilico in aria per un istante e poi andava a cadere dove era necessario, nel modo più efficace e sintetico.

Vedere lo sviluppo della testa era come assistere alla rivelazione della sua forma a partire dal buio come se l’illuminazione progressivamente aumentasse”.

Sargent riteneva che la pittura fosse una scienza da apprendere studiando, fino a farne un’arte: “È necessario economizzare la forza in ogni modo, dichiarava. Bisogna sviluppare il più acuta auto-controllo per riuscire a usare  il minor numero possibile di pennellate per esprimere il soggetto, ogni colpo di colore deve avere il suo scopo”.

La descrizione di miss Heynemann continuava a lungo, descrivendo come Sargent riusciva a creare rapidamente una sorprendente somiglianza con pochi colpi abili di pennello, esattamente del giusto colore, valore e forma.

I piani luminosi sfumavano freschi verso le ombre e viceversa.

Se non era soddisfatto dei suoi risultati sorprendenti, poteva decidere di spazzolare tutto via e ricominciare con pittura fresca.

Per un appassionato della pittura di Sargent, trovare una copia di questo libro è imperativo, si tratta di una grande lettura.

Se vuoi puoi consultare la copia digitale del libro (in inglese) se vuoi puoi acquistare una ristampa del libro su Amazon.

Print Friendly, PDF & Email
Questo contenuto ti è piaciuto? Prenditi qualche secondo per supportare Alessandro Pedroni su Patreon!
blog, pittura ad olio

Alessandro Pedroni

View posts by Alessandro Pedroni
Ciao, se mi leggi forse condividi con me l’amore per il disegno e la pittura e sei sempre alla ricerca di approfondimenti e nuovi stimoli, cosciente che c'è sempre ancora molto da scoprire. Mi piace condividere quello che ho imparato in una vita di mestieri fatti con la matita e i pennelli in mano, per questo insegno disegno e pittura da più di dieci anni e scrivo articoli sulla pratica del disegno e della pittura su questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apri una chat
1
Salve, Come posso aiutare?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: