Filippo De Luca: scultore

Chi è Filippo De Luca?

Sono uno scultore, nel senso piu tradizionale del termine, con attenzione alle tecnologie contemporanee.

Che mestiere fai?

Mi occupo di relazioni con gallerie per attività espositiva ed insegno.

Da dove vieni?
Sono italiano, ma mi muovo nella comunità europea.
Come, quando e perché è iniziato il tuo amore per l’arte?
Ho iniziato ad interessarmi all’arte a circa tre anni, modellando e lavorando a progetti come autodidatta.
Quando è cominciata quest’avventura nell’arte?
Ho iniziato come assistente all’edificio: “Pastificio  Cerere ” di San Lorenzo a Roma,lavorando per gli artisti Nunzio e Gianni Dessì per un periodo complessivo di circa due anni e mezzo. Poi ho iniziato la carriera personale.
Cosa hai studiato e dove?
Ho studiato all’università di Roma “La Sapienza”  quattro anni architettura , due anni biologia ed un anno storia dell’arte. Ho conseguito un diploma di orafo alla regione Lazio.
Cosa ti ha spinto ad entrare nel mondo dell’arte e a seguire studi artistici?
La passione.
Come studente, qual è stata la lezione più importante che hai imparato?

Ho sempre avuto la sensazione che il mio mondo si autoassolvesse in se stesso ed a se stesso bastasse, ma non è sempre così.

Come artista, cosa vuoi condividere con il mondo?
Niente, voglio solo esprimere quello che il mio istinto mi impone di fare; in genere poi quando questo ha un contenuto condivisibile, si diffonde da solo per affinità.
Secondo te, da dove viene l’ispirazione?
Non è un atteggiamento fortuito od occasionale: è – per me – una condizione di concentrazione continuativa e spontanea che si approfondisce con l’attività lavorativa quotidiana quantitativa e qualitativa; le cose importanti emergono e sprofondano con i loro tempi propri, che però possono diventare più intercettabili se si lavora tanto con molta dedizione .
Qual è l’elemento iniziale che innesca il processo creativo? E cosa ritieni sia più importante? Il concetto, l’idea espressa, o il risultato estetico e percettivo dell’opera?

Il lavoro creativo è connesso ad un malessere iniziale o a delle visioni che poi attraverso il lavoro si chiarificano e prendeno armonia, attenzione.

Il lavoro artistico propriamente detto non prevede una scissione tra la vita personale e quella lavorativa propriamente detta; tutta l’energia che si utilizza nei drammi personali, crisi esistenziali etc si canalizza e si risolve nello sforzo della realizzazione dell’opera artistica  nel suo culmine.

In genere un lavoro compiuto con molta onestà produce risultati oggettivi e quindi umanamente condivisibili con un vero e proprio trasporto emotivo e mentale.

Si deve sapere che in realtà le forme-contenuto  sono già presenti ed attraverso il lavoro negli anni si capisce come sono fatte e si cerca di tirarle fuori. Sono opere mie, fatte da me, ma hanno una realtà indipendente da me; è paradossale ma è così, mi dicono loro come devono essere fatte e io divento cosciente quando riesco a tradurne una fase oppure un pezzo.

Perché hai scelto un arte visuale?
beh … è venuta un pò da sola.
Cosa si prova a manipolare la materia per creare un’opera plastica?

Un senso di piacere e di salute fisica molto congeniale alla propria natura.

Secondo te qual è la funzione sociale dell’Arte?
La funzione dell’arte, come diceva Platone, é di fungere da Demiurgo prima individuale e poi collettivo per la canalizzazione di tutte le tensioni verso la realizzazione della natura umana.
Quale messaggio personale vorresti lasciarci?
Che la realtà è dietro alle cose e non si vede subito:quella vera ha dei parametri raggiungibili da tutti e che è avulsa da una conduzione di vita troppo personale e chiusa.
Grazie Filippo

Print Friendly, PDF & Email
Questo contenuto ti è piaciuto? Prenditi qualche secondo per supportare Alessandro Pedroni su Patreon!
arte e autorealizzazione, blog, interviste, scultura

Alessandro Pedroni

View posts by Alessandro Pedroni
Ciao, se mi leggi forse condividi con me l’amore per il disegno e la pittura e sei sempre alla ricerca di approfondimenti e nuovi stimoli, cosciente che c'è sempre ancora molto da scoprire. Mi piace condividere quello che ho imparato in una vita di mestieri fatti con la matita e i pennelli in mano, per questo insegno disegno e pittura da più di dieci anni e scrivo articoli sulla pratica del disegno e della pittura su questo blog.

2 Comments

  1. Chiedo scusa, ma ho scritto il mio parere nel posto sbagliato. Non ho quindi intenzione di ricevere alcunché, oltre alla vostra periodica email. Grazie

    1. se si è iscritto alla mailing list con il modulo nella colonnina a destra “disegna e dipingi sempre meglio” è iscritto alla mailinglist sulle novità del sito, se dovesse aver fatto altre iscrizioni potrà annullare facilmente qualsiasi altra iscrizione seguendo il link “disiscrivi” in fondo a ciascuna email che riceverà da parte nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Apri una chat
1
Salve, Come posso aiutare?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: