SCACCHI E… NON SOLO…

Quattro artisti si incontrano nelle suggestive pareti di Casa Melis, a Capoterra, facendo da cornice al campionato regionale di scacchi giunto alla sua quindicesima edizione. Artisti diversi, ma accomunati...
portfolio lucia - 1


Quattro artisti si incontrano nelle suggestive pareti di Casa Melis, a Capoterra, facendo da cornice al campionato regionale di scacchi giunto alla sua quindicesima edizione.


Artisti diversi, ma accomunati tutti allo stesso modo dall’amore per l’arte, per la propria terra, per “l’amore del bello” che si scorge dall’osservazione di ogni particolare che la vita offre loro, a cui  si rapportano con introspezione, scavando negli anfratti più reconditi dell’animo umano.
Pittura, grafica, design e arte del riciclo, si incontrano, uniti da un filo conduttore comune che è la rappresentazione del vero, a volte in maniera fedele e accurata, a volte in maniera personale, filtrata attraverso la propria sensibilità artistica.
Immagini di una verità assoluta, quelle rappresentate dalla serie di vecchi centenari, di Alessandro Pedroni, che ci spingono a riconoscere la nostra umanità e ad abbandonare tutte le maschere. Immagini in cui traspare tutta la carica espressiva e la forza emotiva dei soggetti rappresentati, abbinata alla maestria tecnica e alla morbidezza del tratto che fa scaturire una tenerezza accattivante.
Oppure la serie di acquerelli presentati da Lucia Vallifuoco, che, a metà strada tra le rappresentazioni dei paesaggi del Romanticismo spesso incontrati nei dipinti di William Turner e i paesaggi fotografati en plein air dagli impressionisti (come La barca studio di Monet sulla Senna di Edouard Manet), uniscono suggestive emozioni alla descrizione dettagliata di ogni particolare rintracciabile.
Ancora ritroviamo la rappresentazione del vero rielaborata quasi in chiave Fauve dalla Tonnara di Carloforte presentata da Guido De Agostini, che si sbizzarrisce con l’utilizzo del colore intenso, brillante, senza passaggi di tono, quasi a voler dare un’impronta ancora più cruda a quello che già il dipinto raffigura.
Per ultima incontriamo Donatella Tetti, artista in cui traspare tutto l’amore per la propria terra e per le tradizioni che vengono ricercate anche nell’utilizzo di materiali da riciclo, quali il sughero, che suggeriscono uno stile naturalistico e innovativo allo stesso modo.
Veronica Murgia

portfolio lucia - 1
Quattro artisti si incontrano nelle suggestive pareti di Casa Melis, a Capoterra, facendo da cornice al campionato regionale di scacchi giunto alla sua quindicesima edizione.


Artisti diversi, ma accomunati tutti allo stesso modo dall’amore per l’arte, per la propria terra, per “l’amore del bello” che si scorge dall’osservazione di ogni particolare che la vita offre loro, a cui  si rapportano con introspezione, scavando negli anfratti più reconditi dell’animo umano.


Pittura, grafica, design e arte del riciclo, si incontrano, uniti da un filo conduttore comune che è la rappresentazione del vero, a volte in maniera fedele e accurata, a volte in maniera personale, filtrata attraverso la propria sensibilità artistica.


Immagini di una verità assoluta, quelle rappresentate dalla serie di vecchi centenari, di Alessandro Pedroni, che ci spingono a riconoscere la nostra umanità e ad abbandonare tutte le maschere. Immagini in cui traspare tutta la carica espressiva e la forza emotiva dei soggetti rappresentati, abbinata alla maestria tecnica e alla morbidezza del tratto che fa scaturire una tenerezza accattivante.


Oppure la serie di acquerelli presentati da Lucia Vallifuoco, che, a metà strada tra le rappresentazioni dei paesaggi del Romanticismo spesso incontrati nei dipinti di William Turner e i paesaggi fotografati en plein air dagli impressionisti (come La barca studio di Monet sulla Senna di Edouard Manet), uniscono suggestive emozioni alla descrizione dettagliata di ogni particolare rintracciabile.


Ancora ritroviamo la rappresentazione del vero rielaborata quasi in chiave Fauve dalla Tonnara di Carloforte presentata da Guido De Agostini, che si sbizzarrisce con l’utilizzo del colore intenso, brillante, senza passaggi di tono, quasi a voler dare un’impronta ancora più cruda a quello che già il dipinto raffigura.


Per ultima incontriamo Donatella Tetti, artista in cui traspare tutto l’amore per la propria terra e per le tradizioni che vengono ricercate anche nell’utilizzo di materiali da riciclo, quali il sughero, che suggeriscono uno stile naturalistico e innovativo allo stesso modo.



Veronica Murgia

<

p>

Print Friendly, PDF & Email
Categorie
eventi
Alessandro Pedroni

Ciao, se mi leggi forse condividi con me l’amore per il disegno e la pittura e sei sempre alla ricerca di approfondimenti e nuovi stimoli, cosciente che c’è sempre ancora molto da scoprire. Mi piace condividere quello che ho imparato in una vita di mestieri fatti con la matita e i pennelli in mano, per questo insegno disegno e pittura da più di dieci anni e scrivo articoli sulla pratica del disegno e della pittura su questo blog.

Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Iscriviti alla newsletter!


POST SIMILI