L’anima della Trexenta
Ritratti di anziani ad acquerello

Hai visto la mostra “L’anima della Trexenta”? Una collezione fantastica di ritratti realizzati dagli allievi di Circolo d’Arti  e dedicati agli anziani ultranovantenni presenti nel calendario che il Comune...

mostra trexentapicHai visto la mostra “L’anima della Trexenta”? Una collezione fantastica di ritratti realizzati dagli allievi di Circolo d’Arti  e dedicati agli anziani ultranovantenni presenti nel calendario che il Comune di Senorbì ha loro dedicato, a questi si sono aggiunti nonni e nonne, madri e padri degli allievi di Guasila e di Cagliari.

Alcuni degli allievi, pur frequentando da meno di un anno, hanno superato se stessi raggiungendo un livello espressivo e tecnico notevole.

Per questa occasione ho realizzato 17 mini ritratti ad acquerello per completare la lista degli anziani presenti nel calendario.

libroseppiaSe ami dipingere ad acquerello e vuoi migliorare, puoi guardare anche questo articolo: “Impara l’ acquerello dal maestro dei figli della Regina di Inghilterra

Seguendo gli esercizi progressivi del manuale, tradotto per la prima volta in italiano, potrai diventare un esperto acquerellista secondo la tecnica figurativa classica inglese.


 

Contrariamente a quanto si crede, ritrarre il viso di un anziano è più facile di qualunque altro ritratto. Credimi, troverai maggiori difficoltà a ritrarre i bambini, dal viso liscio e assente di qualunque piega o punto di riferimento.

Visto il grande numero di ritratti da realizzare e il fatto che avevo meno di una settimana, ho messo a punto una strategia per realizzarli in breve tempo. voglio condividerla con te.

prima fase

  1. Scegli un piccolo formato sempre uguale per tutti i ritratti. montaggioriginals
  2. Studia attentamente i visi da riprodurre e aiutati con la tecnologia (usando Photoshop o programmi gratuiti come  Gimp, ma anche solo Picasa ti permette di fare ritagli accurati).

In questo caso il modello era fotografico: foto a colori, non sempre ben definite e dalla inquadratura banale.

Quindi privilegia un’inquadratura che renda interessante l’espressione del viso da ritrarre.

Nel mio caso ho fatto uno zoom sul viso in modo da esaltare lo sguardo.

seconda fase

  • Realizza tre copie dell’immagine con la nuova inquadratura
    • Una copia a colori
    • Una copia in scala di grigi
    • Una copia a tratto
  • La copia a colori ti serve per avere un riferimento sui colori dominanti del viso: pelle, occhi, capelli.montaggiobn
  • La copia in bianco e nero per avere un chiaro riferimento dei valori di chiaroscuro, spesso confusi dal colore.
  • La copia a tratto (vedi esempio: ho eliminato le mezze tinte e mantenuto solo i segni essenziali ombra-luce); ti servirà per evidenziare i segni fondamentali necessari per rendere riconoscibile ed espressivo il modello.
  • Una volta studiato ogni singolo volto realizzando anche piccoli bozzetti a matita, riporta sul foglio solo i tratti essenziali e scegli una tecnica pittorica veloce, con non più di due passaggi di pennello e rifiniture finali.
  • A questo punto tutto sta nella tua scelta di colori ed abbinamenti.Buon lavoro.

Nel mio caso ho scelto di abbinare ad ogni modello due colori base, in genere complementari, aggiungendo, mentre il colore era ancora umido, tocchi del bistro ottenuto dalla loro miscelazione e in finale tocchi di terra d’ombra bruciata e grigio di payne.

fase finale

Ho cercato di scegliere i colori di base in funzione del carattere della persona, quindi ho utilizzato dei viola, dei verdi o ancora arancione rosa rosso, colori presenti anche sulla cornice di ogni acquerello.

Il risultato che volevo ottenere era principalmente di dare un aspetto luminoso, allegro, intrigante, austero o prepotente ai visi di persone alla soglia dei cento anni, che hanno vissuto, gioito, amato ed insegnato e sono ancora qui per raccontarci le loro storie di persona.

provacolori-773x1024Corso di pittura ad acquerello

Impara a dipingere ad acquerello insieme a Lucia Vallifuoco, grazie ai semplici esercizi che ha preparato per te.
Il corso è aperto tutto l’anno e si può iniziare in qualsiasi momento; è organizzato in tre sessioni di sei mesi che ti permettono di scegliere da che punto partire.


Storie che emergono dalle pieghe dei loro visi, a volte sofferte, altre ancora sognanti o rassegnate ma comunque incredibilmente espressive, mai tristi.

Se non l’avete ancora vista,la mostra “L’anima della Trexenta“prevede ancora due tappe: a settembre a Casa Spadaccino e a ottobre a Cagliari, nella galleria Salotto dell’Arte di piazza Dettori, come anticipazione di una mostra dedicata a ritrattisti professionisti.

Per le date, segnatevi sulla mailing list di Circolo d’arti, in modo da potervi aggiornare su tutte le nostre iniziative, trovate il modulo più in basso.

Questo argomento è trattato in modo approfondito durante le lezioni dei corsi di disegno e pittura che Circolo d’Arti organizza a Cagliari, Senorbì e a Casa Spadaccino (loc. Su Loi, Capoterra), e nel corso sul web. Guarda la lista di tutti i corsi.


Se ti è piaciuto questo articolo commentalo, ti risponderò volentieri, mi faresti un grosso favore segnalando l’articolo ai tuoi colleghi e amici. Puoi farlo cliccando sui bottoni qui sotto e postando il link sui Social Network che usi più di frequente. (Grazie!!!)


 

Print Friendly
Categorie
eventi
  • Marco

    Bello :) Grazie!

POST SIMILI